Confindustria, Beltrame e Piovesana nella squadra designata da Bonomi

Le due venete avranno rispettivamente la delega all’internazionalizzazione e quella all’ambiente e sostenibilità

Via libera dal Consiglio Generale di Confindustria alla squadra del presidente designato che affiancherà Carlo Bonomi per il quadriennio 2020-2024. Una panchina “lunga” quella messa a punto e votata dai 183 membri del Parlamentino di viale dell’Astronomia che vede la presenza di 10 vicepresidenti, 7 elettivi e 3 di diritto.

Tra le new entry le due venete Beltrame e Piovesana

Tra le new entry due venete: l’imprenditrice Barbara Beltrame (in foto), con delega all’internazionalizzazione, e Maria Cristina Piovesana, presidente di Veneto Centro con delega all’ambiente e Sostenibilità. E ancora Luigi Gubitosi, amministratore Delegato e Direttore Generale di Telecom Italia con delega al digitale; Alberto Marenghi, ex presidente di Confindustria Mantova con delega al marketing ; Emanuele Orsini, presidente di Federlegno con delega al fisco ,al credito e alla finanza; Francesco De Santis, con delega alla Ricerca e Sviluppo; Maurizio Marchesini, con delega alle Filiere e alle Medie Imprese; Natale Mazzuca, con delega all’Economia del Mare e al Mezzogiorno.

I riconfermati

Ad essere riconfermati nella squadra di Bonomi, Maurizio Stirpe, che nella scorsa presidenza rivestiva la carica di vicepresidente con delega al lavoro e alle relazioni industriali e Giovanni Brugnoli, con delega al capitale umano. A questi si aggiungono i 3 vicepresidenti di diritto: Carlo Robiglio, presidente della Piccola Industria e Vito Grassi, presidente del Consiglio delle Rappresentanze Regionali. Per quel che riguarda i giovani imprenditori, al momento siederà l’attuale presidente ma in uscita Alessio Rossi in attesa della nuova manche elettorale che gli imprenditori under 40 terranno per via telematica il 26 giugno prossimo

Bonomi: «Siamo uniti e alieni dai difetti della politica»

«Non c’è stata alcuna divisione grandi e piccoli, nord e sud: noi siamo alieni dai difetti della politica che minano purtroppo gli interessi del Paese. Dobbiamo difendere questa peculiarità». Così il presidente di Confindustria designato, Carlo Bonomi, secondo quanto riportato da un audio sul sito di Affari Italiani, parla all’interno dell’associazione di fronte al Consiglio generale di viale dell’Astronomia prima del voto sulla nuova squadra e programma. «Serve una ferrea indipendenza e una irriducibile autonomia dai partiti e dalla politica. Serve una grande coesione».