Bruna dimessa da Schiavonia: a 95 anni sconfigge il Coronavirus

La bisnonna alza le dita della mano destra in segno di vittoria dopo il tampone negativo

Dimessa. Guarita. Le dita delle mano destra alzate in segno di vittoria. Dopo 39 giorni di ricovero nel Covid Hospital di Schiavonia, Bruna Toniolo Dominici, 95 anni, mamma di quattro figli, nonna e bisnonna, ha fatto ritorno oggi, all’ora di pranzo, nella sua casa di Este. Infermiera in gioventù, era entrata in ospedale con diagnosi coronavirus il 27 marzo scorso. Bruna per quasi un mese e mezzo è stata sottoposta a cure da parte delle équipe di Medicina, Neurologia, Geriatria, Cardiologia, in uno sforzo corale condiviso con colleghi di Cittadella e Camposampiero, giunti in queste settimane a Schiavonia a dare man forte nel contrasto al Covid-19. «Un enorme, sentito, autentico grazie: sarò sempre grata alla dottoressa Lucy Leone e a tutti i suoi colleghi e collaboratori per aver dato a mia mamma una seconda vita», dice commossa la figlia Rita Dominici.

«Entrata in ospedale alla fine di marzo, la signora Bruna ha superato brillantemente il coronavirus grazie alle cure dei nostri sanitari. A dimostrazione – commenta il direttore generale dell’Ulss 6 Euganea, Domenico Scibetta – che, seppur dopo lungo periodo ricovero, si può guarire dal Covid-19 anche in età avanzata. La nostra Azienda socio-sanitaria è entrata oggi nella Fase 2 e ci auguriamo che la storia a lieto fine di questa mamma, nonna e bisnonna, sia di buon auspicio». Un indirizzo di stima e affetto al personale sanitario è giunto anche dal sindaco del Comune di Este, Roberta Gallana, dove bisnonna Bruna risiede: «La città di Este ringrazia medici, infermieri, operatori per lo straordinario lavoro che stanno svolgendo con grande professionalità e amore».