Lockdown, il 37% degli italiani l’ha infranto per incontrare l’amante

Con l’avvio della fase 2 il 28% resterà prudente mentre il 72% ne «approfitterà sicuramente» per organizzare un incontro. Ecco le scuse più gettonate per il partner “ufficiale”

In quanti, in questo periodo di restrizioni, hanno infranto il lockdown per vedere il/la amante? Ce lo svela un sondaggio realizzato dal 27 aprile al 2 maggio (quindi prima dell’avvio della fase 2) dal sito per incontri extraconiugali Gleeden su un panel di 1.815 utenti italiani.

I numeri prima della fase 2

Il 37% ovvero uno su tre ha ammesso di aver violato la legge per incontrare l’amante. Tra gli uomini, la percentuale sale al 61% mentre tra le donne al 39%. Inoltre per molti non è stato un episodio sporadico: il 38% ha dichiarato di aver incontrato il proprio partner “ufficioso” almeno due o tre volte, il 29% anche di più. Solo il 33%, infine, si è limitato a un solo incontro.

I numeri dopo la fase 2

Il 28% resterà prudente e si limiterà a sentire l’amante solo in via telematica, il restante 72% ha detto che «approfitterà sicuramente» dell’allentamento delle misure per organizzare un incontro. Le scuse usate variano a seconda del sesso: Per le donne (77%) sarà una visita dal congiunto e mentre per gli uomini (81%) sarà lo sport. E come giustificare l’assenza con il partner “ufficiale”? Le donne sfrutteranno soprattutto il sonno e le sue uscite di casa, gli uomini l’uscita per la spesa e l’orario del lavoro.

(ph: shutterstock)

Tags: