Forza Italia: «Scadenze fiscali a giugno? Ma volete una rivolta sociale?»

Gelmini a Montecitorio: «Noi avevamo proposto di rinviarle a novembre e voi le mettete nel pieno dell’emergenza. E multate chi protesta per disperazione»

«Come avete potuto pensare di posticipare le scadenze fiscali a giugno? Giugno è nel pieno dell’emergenza. Come potete pensare che un imprenditore che non ha fatturato per marzo, aprile e maggio, a giugno possa pagare le bollette, gli affitti, i mutui, i leasing e le scadenze fiscali?». Queste le parole del capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati Mariastella Gelmini, in Aula a Montecitorio, dopo l’informativa del ministro Franceschini.

«Noi abbiamo detto da subito che le scadenze fiscali andavano rinviate al 30 novembre. A fine autunno -ha aggiunto- forse l’Italia si sarà rimessa in cammino. E poi vi stupite se Milano, a Padova, a Firenze, in Puglia, artigiani, commercianti, albergatori, abbassino le saracinesche in segno di malcontento e di disperazione. Voi cosa fate? Li multate, invece di aiutarli. Ma volete la rivolta sociale?».

(ph: imagoeconomica)

Tags: