Dai caciobond all’adozioni di api a distanza: creatività Made in Italy per il rilancio

Coldiretti raccoglie alcune delle idee innovative lanciate dalle aziende

Dal disinfettante al rosmarino alla mungitura on line, dall’adozione delle arnie ai cacio bond, dai kit per costruire il pranzo a domicilio alle cantine aperte sul web fino alle siepi anti contagio. Per far ripartire l’Italia con la fase 2 nei campi degli agricoltori della Coldiretti è un fiorire di idee innovative per aiutare aziende e consumatori.  «Tradizione e tecnologia con un modo diverso di fare agricoltura ai tempi della pandemia che da nord a sud dell’Italia ha fatto emergere le esperienze più interessanti e particolari».

Adottare api a distanza

A Monteaperti ad un passo da Siena è possibile adottare un’arnia a distanza per aiutare le api e contribuire alla difesa dell’ecosistema con la a famiglia adottiva che può scegliere il nome della propria Ape Regina, ricevere annualmente una parte del miele dell’arnia, oltre ad altri prodotti dell’alveare, e un certificato di adozione temporanea.

Caciobond

In Campania invece dove c’è stato un crollo verticale degli acquisti di mozzarella di bufala, il Caseificio Morese di Pontecagnano Faiano (Sa) insieme alla Coldiretti ha lanciato i “caciobond” che stanno avendo così tanto successo che arrivano ordini anche dall’estero con persone che comprano in anticipo i caciocavalli con il latte di bufala (ogni caciocavallo usa 60 litri di latte) per poi averlo e consumarlo quando è pronto. «Il caciobond – spiega la Coldiretti – può essere a 6 mesi, a 12 mesi, a 24 mesi, dipende dai gusti del cliente rispetto alla stagionatura».

Gel disinfettante al rosmarino

In Toscana invece per affrontare la crisi e le difficoltà della ripartenza – spiega Coldiretti – si riconverte anche l’agricosmetica con il rosmarino che al posto di profumi e acque aromatizzate ora serve per produrre gel disinfettante grazie al matrimonio con l’alcool alimentare di alcuni liquorifici.

Kit a domicilio

Ma con l’emergenza non c’è solo chi ha destinato le coltivazioni a nuovi utilizzi, ma anche chi si è dovuto inventare nuovi modi di fare impresa come negli agriturismi per il quali il lockdown ha significato il blocco dell’attività ricettiva e di ristorazione. Per questo molti si sono dedicati alle consegne a domicilio per non far mancare – sottolinea la Coldiretti – prodotti freschi, locali e di stagione alle famiglie e in Piemonte c’è chi ha dato la possibilità di prenotare on line il menù da ritirare o da ricevere a casa con un “kit” che oltre al cibo contiene le istruzioni per assemblarlo, preparalo e presentarlo in tavola nel migliore dei modi.

Siepi anti contagio

E se il distanziamento è il mantra di questi mesi tanto che in Toscana e Sicilia si sono inventati siepi anti contagio per bar, ristoranti, spiagge e locali pubblici con piante e fiori come barriere verdi per bloccare il droplet aereo portatore del virus, grazie a tecnologia e internet – sottolinea la Coldiretti – si può continuare a stare vicini pur rimanendo lontani fisicamente.

Web wine tasting

In Campania le cantine in collaborazione con Coldiretti hanno lanciato i “web wine tasting” con allievi in tutto il pianeta con cui ci si collega per lezioni in diretta on line sulla degustazione del vino e dei formaggi in contemporanea dopo aver spedito a casa i campioni da assaggiare: gli “allievi” con i calici pieni davanti al video ascoltano le indicazioni che arrivano dagli esperti e imparano a carpire sapori e profumi e possono fare domande e chiarire dubbi sugli abbinamenti.

Tutorial online delle fattorie didattiche

E tutorial sul web sono utilizzati anche dalle fattorie didattiche in Toscana e Veneto – conclude la Coldiretti – per raccontare a grandi e bambini il mondo delle stalle, dei pascoli, la mungitura i fiori e le erbe dei campi.

(ph: shutterstock)

Tags: