Brignone: «Mondiali dopo Olimpiadi? No, perdono valore»

La vincitrice dell’ultima Coppa del mondo: «E’ un vero peccato per Cortina, meritava questa vetrina. Spero non si spostino»

«I Mondiali di Cortina? Spero non si spostino. Due anni senza grandi eventi è un tempo troppo lungo per noi sportivi. Voglia di gareggiare». E’ quanto afferma la vincitrice dell’ultima Coppa del mondo, Federica Brignone, in un’intervista a La Stampa dopo la richiesta italiana alla Fis di rinviare al 2022 i Mondiali.

«Senza pubblico non si può fare»

L’azzurra spiega poi la sua reazione alla notizia. «Mi ha colpito. Certo, capisco le preoccupazioni economiche ma un mondiale senza pubblico non si può fare. Mi spiace molto per Cortina ma a porte chiuse no. Per favore. La vedo come LeBron James: i tifosi fanno parte del gioco, dello spettacolo, e ti spingono a dare il massimo. Sono amareggiata perché questo sarebbe il primo grande evento della mia carriera in Italia. E poi perché non sappiamo neppure quando saranno le gare di coppa, tutto è confuso. È difficile dare il cento per cento in allenamento senza avere obiettivi importanti e chiari».

«Mondiali dopo Olimpiadi? Perdono valore»

Sulla concomitanza di Olimpiadi invernali e mondiali nel 2022 la campionessa di La Salle aggiunge: «Mi sembra difficile da realizzare ma mi rimetto alle decisioni della Federazione Italiana. Secondo me il Mondiale perde di valore se arriva dopo l’Olimpiade. È davvero un peccato per Cortina che meritava invece una grande vetrina».

«Ora necessario pensare alla situazione economica»

Infine Brignone dice la sua sul coronavirus. «Dobbiamo convincerci. Con tutto il rispetto per chi è stato e sta ancora male e per le vittime. Ma ora è necessario pensare alla situazione economica. L’emergenza sanitaria pare per fortuna superata. Possibile che si debba temere già ora per un eventuale ritorno in autunno, tanto da pensare di dover bloccare tutto il di nuovo? Spero di no. A volte penso a chi ha delle attività da 20-30 anni e ha fatto tanti sacrifici per ottenere tutto questo. Spero che la vita riprenda, dobbiamo andare avanti».

(ph: shutterstock)

Tags: ,