Bibione riparte. Ed è boom di prenotazioni

Tra hotel, villaggi e appartamenti si conta un +70%. «Rivediamo la luce dopo un periodo molto triste e di grande incertezza»

Bibione, domani si riparte. Da domani 30 maggio la spiaggia veneta si prepara ad accogliere i turisti e fare il primo test di una stagione completamente nuova: se sole e mare sono gli stessi, infatti, le nuove regole post Covid sono tutte da sperimentare. E, i numeri fanno ben sperare gli operatori turistici: nelle ultime due settimane, tra hotel, villaggi e appartamenti, a Bibione si conta un più 70 per cento di prenotazioni rispetto alle prime due settimane di maggio e circa 6 mila visite al giorno su Bibione.com, il portale unico di prenotazione della località. Una cifra che arriva quasi a toccare gli stessi livelli di visite dello stesso periodo nel 2019. «Rivediamo la luce dopo un periodo molto triste e di grande incertezza – conferma Giuliana Basso, presidente di Bibione Live – ma non abbiamo avuto dubbi sul fatto che avremmo riaperto. E infatti si riparte con sole due settimane di ritardo».

Sul fronte spiaggia ci sono importanti novità, soprattutto per quanto riguarda la prenotazione online dell’ombrellone. Spiaggia attrezzata: su bibionespiaggiaonline.com si può già scegliere il proprio posto al sole tra spazi che superano di gran lunga i dieci metri quadrati di legge: si va dai 16 mq fino ai 64 mq, secondo disponibilità e la conformazione naturale della spiaggia. Indipendentemente dall’aumento degli spazi, non ci sono aumenti di prezzi. Per la spiaggia libera bisognerà invece aspettare ancora qualche giorno per potersi assicurare gratuitamente un posto da 5×5 sulla spiaggia libera di Bibione, che si colloca a est e ovest del litorale oltre che negli spazi interstiziali non gestiti da Bibione Spiaggia e Bibione Mare.

Dal 6 giugno, infatti, debutta a Bibione la prima web-app che consente di andare al mare con la propria attrezzatura, prenotando uno dei 1500 picchetti segnaposto a disposizione. Da un lato la sicurezza della prenotazione e dall’altro la tracciabilità dell’ospite, che dovrà registrarsi inserendo i dati personali e un recapito telefonico. Ogni picchetto – e quindi ogni ombrellone – ammette la presenza di quattro persone; il controllo sarà affidato al personale della spiaggia, collegato con le forze dell’ordine locali che interverranno, se necessario, invitando l’ospite a registrarsi. «Siamo sicuri di poter contare sul senso di responsabilità dei turisti – spiega il sindaco della località, Pasqualino Codognotto -. I dati servono esclusivamente per la tracciabilità, saranno criptati e consultati solo in caso di contagio».

Rimangono accessibili le parti di spiaggia libera collocate alle estremità del litorale di Bibione, con le stesse regole di
distanziamento fisico. Secondo i primi dati delle prenotazioni a Bibione si allunga il periodo della vacanza. Ora le prenotazioni sono già per giugno e alla settimana standard si tende ad aggiungere qualche giorno in più. Gli appartamenti vengono prenotati anche per tutta la stagione, così da garantirsi un posto al sole fino a settembre: un gruppo privilegiato, certo, ma va anche detto che, soprattutto in presenza di bambini, la vacanza al mare è in assoluto la più consigliata dai pediatri.

Infine, sul fronte della sicurezza imponente è l’apparato che la spiaggia di Bibione ha messo in essere per garantire la
sicurezza sanitaria: una sanificazione quotidiana per ombrellone, lettino e sdraio, abbinata alla costante igienizzazione di biglietterie, bagni e chioschi spiaggia. Lo stesso rigore sarà applicato in hotel, appartamenti e villaggi, attraverso protocolli rigorosi già imparati a memoria da dipendenti e collaboratori. In questi mesi si è investito anche nella formazione del personale in modo che sia in grado di aiutare in maniera cortese e competente gli ospiti.

Fonte: Adnkronos

(ph: bibione.com)

Tags: ,