Malattie professionali: tutti i servizi della medicina del lavoro

Non tutte le professioni e gli ambienti di lavoro sono uguali, infatti lo svolgimento di alcune attività professionali può provocare a lungo andare dei problemi di salute più o meno gravi, condizioni che possono determinare una malattia professionale.

Si tratta, ad esempio, di patologie come malattie dell’apparato osteo-muscolare, del tessuto connettivo, del sistema nervoso e dell’orecchio, le quali colpiscono soprattutto il settore dell’industria, dei servizi e dell’agricoltura.

Per questo motivo i datori di lavoro sono chiamati a garantire condizioni idonee allo svolgimento dell’attività lavorativa, specialmente in presenza di rischi per i lavoratori, come indicato dal D.lgs. 81/108.

La medicina del lavoro è una branca molto grande a articolata, in cui ricoprono un ruolo fondamentale i medici competenti, con il cui supporto le aziende possono implementare servizi di prevenzione e sorveglianza sanitaria nei confronti di dipendenti dell’impresa.

Come funziona la medicina del lavoro

La medicina del lavoro è un campo della medicina in cui specifici professionisti si occupano della sicurezza e della salute dei lavoratori, monitorando eventuali fattori di rischio ambientali, operativi e vincolati alle attività che i dipendenti di un’azienda sono tenuti a svolgere.

Questi compiti sono svolti dal medico competente, uno specialista in possesso dei requisiti richiesti dalle normative di legge, il quale collabora con il datore di lavoro per valutare i rischi e realizzare tutte le azioni richieste dalla legge.

Per questo motivo, è fondamentale rivolgersi a un medico competente adeguato, un professionista non solo in linea con i criteri individuati dalle direttive del Ministero, ma anche con una profonda conoscenza del territorio.

Ad esempio, in Veneto si possono trovare ottimi esperti come il Dott. Umberto Schiavo, operante da anni nel ramo della medicina del lavoro, con specializzazione nell’Igiene e nella Medicina Preventiva, e attivo in diverse province della regione, tra cui Vicenza: i servizi a disposizione delle imprese sono visionabili anche online, alla pagina “medicina del lavoro vicenza” del sito ufficiale e sull’analoga sezione dedicata alla città di Padova.

Il professionista viene nominato dall’azienda, d’accordo con i requisiti e le condizioni previste dal Decreto Legge 81/08, per svolgere azioni di prevenzione, diagnosi e cura delle malattie provocate dalle attività lavorative per salvaguardare i dipendenti.

Ciò è di maggiore interesse in presenza di compiti che con un alto rischio, come lo spostamento manuale di carichi, l’esposizione ad agenti fisici, chimici e biologici potenzialmente pericolosi, le mansioni in alta quota e i lavori svolti in orari notturni.

La sorveglianza sanitaria dei dipendenti

Una delle attività principali eseguite dal medico del lavoro è la sorveglianza sanitaria dei dipendenti dell’azienda, azioni il cui obiettivo è la prevenzione e la tutela della salute dei lavoratori.

In questo caso, è necessario realizzare innanzitutto una valutazione dei rischi, per determinare la compatibilità dei dipendenti con le specifiche mansioni da svolgere all’interno e per conto dell’impresa.

Inoltre, il medico competente si occupa della verifica delle misure di prevenzione previste dal datore di lavoro, per capire se sono effettivamente efficaci o se è necessario provvedere al loro potenziamento o all’integrazione con soluzioni più adeguate.

Per farlo, il medico realizza delle apposite cartelle sanitarie dei dipendenti, organizza visite mediche e accertamenti specialistici, per poi rilasciare un giudizio in merito all’idoneità del lavoratore.

Ad esempio, il medico competente può eseguire test di valutazione delle condizioni psicofisiche dei dipendenti dell’impresa ed esami di laboratorio, interventi effettuati sia al momento dell’assunzione sia durante l’attività lavorativa del professionista.

Allo stesso tempo, possono essere eseguiti degli accertamenti in vista del cambio di mansione del dipendente, per esprimere un giudizio di idoneità alle nuove funzioni da svolgere.

Gli adempimenti del medico del lavoro

Il medico competente è uno specialista che collabora con l’azienda, effettuando laddove necessario gli interventi richiesti per la sorveglianza sanitaria dei lavoratori e il monitoraggio dei fattori di rischio.

Le valutazioni del professionista devono essere fornite al datore di lavoro o al diretto responsabile della sicurezza nell’impresa, affinché questi soggetti possano venire a conoscenza dei risultati delle indagini e delle valutazioni dello specialista.

Inoltre, in presenza di rischi potenziali il medico del lavoro deve eseguire visite periodiche dei luoghi di svolgimento dell’attività professionale, per verificare l’assenza di condizioni ambientali pericolose per i dipendenti dell’azienda.

Ovviamente, il medico è tenuto a rispettare il segreto professionale, salvaguardando la privacy dei lavoratori, tuttavia è responsabile per la creazione, l’uso e la custodia delle cartelle sanitarie dei dipendenti dell’impresa e di tutta la documentazione inerente.

 

Tags: