Mostra Venezia, nel Green Drop Award 2020 c’è la terra di Forada

Roma, 8 set. (Adnkronos) – Ogni anno il trofeo del Green Drop Award contiene la terra di un luogo diverso del Pianeta, ognuna simbolo di una urgente questione ambientale: quest’anno arriva da Forada, in provincia di Belluno, e documenta gli impatti ambientali del riscaldamento globale avvenuto al passaggio tra le epoche del Paleocene e dell’Eocene.
Il Green Drop Award è il riconoscimento che, da nove anni, Green Cross Italia assegna al film, tra quelli in gara nella selezione ufficiale della Mostra Internazionale d’Arte cinematografica di Venezia, che interpreta meglio i valori dell’ecologia, dello sviluppo sostenibile e della cooperazione fra i popoli.
La terra contenuta nel Green Drop Award 2020, la Goccia di vetro di Murano soffiata dal maestro Simone Cenedese, quest’anno arriva da Forada nel Comune di Borgo Valbelluna in provincia di Belluno. Una terra che documenta gli impatti ambientali del più drammatico, estremo e rapido, come definito dagli scienziati, riscaldamento globale avvenuto circa 56 milioni di anni fa quando il nostro Pianeta era ben diverso da come lo conosciamo ora.
Questo straordinario evento ipertermico è noto come massimo termico del Paleocene-Eocene, normalmente abbreviato in Petm. In poche migliaia di anni le temperature medie del globo terrestre aumentarono di almeno 5°C in seguito al massiccio rilascio di CO2 e di altri gas serra negli oceani e nell’atmosfera. Un evento che innescò drammatici cambiamenti climatici, ambientali, faunistici e floristici.
“Le migliaia di anni durante le quali il Pianeta cambiò sono dal punto di vista geologico un arco temporale molto stretto che aiuta a comprendere su quanto gravi possano diventare oggi i cambiamenti climatici innescati da una quantità di immissione in atmosfera di anidride carbonica dieci volte più velocemente rispetto a quella di 56 milioni di anni fa”, spiega Rodolfo Coccioni, paleontologo e geologo che con la Settimana del Pianeta Terra ogni anno è responsabile della raccolta della preziosa testimonianza contenuta nella goccia di vetro.
“È significativo per noi continuare a parlare di cambiamenti climatici – dichiara Elio Pacilio, presidente di Green Cross Italia – Abbiamo scelto di farlo attraverso una terra che racconta lo stravolgimento terrestre e che proviene dalla regione, il Veneto, che da nove edizioni ospita il Green Drop Award. Un premio che quest’anno racchiude in sé un monito per quello che sta accadendo ora, dove gli impatti della crisi climatica in atto sono sempre più frequenti ed evidenti. Un simbolo per costruire un futuro sostenibile volto ad evitare che i disastri di un lontano passato possano ripetersi nel nostro futuro”.
Due sono le date da segnare per il Green Drop Award 2020. Il 10 settembre 2020 si parlerà della filiera sostenibile per il cinema, dalle produzioni alle sale cinematografiche, con l’incontro ‘Sustainable Screens 2020: un cinema sostenibile per una ripresa green’, tavola rotonda organizzata da Green Cross Italia con Enea, Gse, Anec, Fondazione ecosistemi, Connect4Climate e Film Commission.
La cerimonia di premiazione è fissata per venerdì 11 settembre 2020 nella Sala Tropicana dell’Hotel Excelsior presso la Fondazione Ente dello Spettacolo. L’edizione 2020 è realizzata con il Patrocinio del ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e di Enea – Ente per le nuove tecnologia, l’energia e l’ambiente e la collaborazione della Sardegna Film Commission.